Notte Stellata è stato scritto interamente in treno nel tragitto casa-lavoro-casa, a mano con una penna blu, su due quadernini.

Il "ronzino" che compare nel racconto esiste davvero e si chiama sul serio Cacao: si tratta dell'inseparabile compagno d'avventura di Elisa. E' un cavallino del 1996 mezzo argentino e mezzo purosangue e sta con lei dal 2011.

Il personaggio di Sirithdal, presente in uno dei capitoli, prende ispirazione da un racconto che Elisa ha scritto a 16 anni e che, purtroppo, non è mai stato completato. In particolare, la vicenda è stata abbandonata su di un campo di battaglia che vede due eserciti schierati. Sirithdal era la protagonista di quel racconto.